La Sbrisolona che viene dal Nord

17 gennaio 2017

La Sbrisolona che viene dal Nord

0 Comments

Ci sono amici che vedi poco ma è come se ci fossero tutti i giorni. Ci sono parenti che sono lontani che la distanza non fa allontanare. Anzi. Ogni volta che i miei zii e cugini di Mantova venivano a trovarci, era una festa. Una festa davvero. Per dirla tutta, ci si preparava al loro arrivo con lo stesso entusiasmo con cui si aspetta Natale. Anche se era Giugno. Non so come dire. Per me era una festa nazionale prolungata. Le vacanze estive erano con loro, i castelli al mare erano con loro. Pasqua, Natale, con loro. Non sarebbe stata la stessa cosa senza. E ricordo che ogni volta che venivano portavano un dolce tipico di Mantova, la sbrisolona, che per chi non la conosce, è una simil frolla con mandorle e farina di mais. Mi piace. Mi piace tantissimo. Mi piace il suo gusto dolce e rustico. O forse mi piace perchè, non essendo un dolce che si trova dalle mie parti, potevo mangiarlo solo quando venivano a trovarci, e questo gli conferiva un sapore ed un valore aggiunto inestimabile. Col tempo le visite sono diventate meno frequenti, i cugini sono cresciuti ed hanno preso la loro strada e anche gli zii non riuscivano a venire a trovarci tutte le volte che avrebbero voluto. Ma questo non ha mai scalfito e cambiato niente. Tutt’oggi è festa quando vengono. E quando ne sento troppo la mancanza, mi preparo la sbrisolona. Ed è come se fossero qui con me. Questo dolce, semplice e confortevole, lo dedico a loro.

La Sbrisolona
 
:
Cosa occorre:
  • 150 G DI MANDORLE PELATE
  • 50 G DI MANDORLE NON PELATE
  • 120 G DI ZUCCHERO SEMOLATO
  • 130 G DI FARINA 00
  • 160 G DI BURRO AMMORIBIDITO
  • 70 G DI FARINA DI MAIS (tipo fioretto)
  • PIZZICO DI BUCCIA DI LIMONE GRATTUGGIATA
  • SEMI DI VANIGLIA
  • 2 TUORLI
  • UN PIZZICO DI SALE
Procedimento:
  1. Tritate grossolanamente le mandorle pelate tenendo da parte quelle non pelate che serviranno per guarnire la torta.
  2. In una terrina capiente, mettete le farine, le mandorle tritate, il burro, la vaniglia, la scorza di limone, i due tuorli d'uovo, il sale e lo zucchero (tenendo da parte un paio di cucchiai); lavorate velocemente tutti gli ingredienti. Bisogna amalgamarli senza compattarli in modo da ottenere un composto bricioloso. Distribuite le briciole in una tortiera imburrata facendo sempre attenzione che le briciole non si compattino. Decorate la superficie del dolce con le mandorle non pelate.
  3. Cuocere in forno a 180°C per circa 1 ora. Fate raffreddare la torta e cospargete i due cucchiai di zucchero avanzati. Si può tagliare con un coltello o spezzare con le mani.


Post Correlati

Torta Elisabetta

Torta Elisabetta

Cuoca sopraffina. Pioniera. Papera forte. Sto parlando di lei. Nonna Papera. Lei che abita nella periferia di Paperopoli. Che cucina con la genuinità propria di una nonna. Che non se ne fa un problema se ha i piedi piatti. E che dietro quegli occhiali ne ha…

Come ti riciclo il panettone…

Come ti riciclo il panettone…

…O il pandoro. Dipende da cosa vi avanza. Tutto il dibattito tra chi preferisce il pandoro e chi invece il panettone, finisce in questo post. Non ha nessuna importanza. Qui va bene tutto, non siamo razzisti sul colore (se al cacao), o se ci sono…



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

: