Sempre lo stesso ritornello…

6 Febbraio 2017

Sempre lo stesso ritornello…

0 Comments

Ore e ore a fare scale e solfeggi. A ripetere lo stesso accordo. Sempre lo stesso. Sempre allo stesso ritmo. E tante volte lo sbagliava, tante lo riprovava. Fino a quando trovava il modo di eseguirlo correttamente. I miei ricordi più vecchi suonano i tasti di un pianoforte. Quello di mio fratello. E ricordo le sue mani tremanti su quell’asse bianco e nero. Che ha abbracciato e non ha mai più lasciato andare. I suoi voti a scuola non erano granché. Una frana a calcio o in qualsiasi sport. Sgraziato come pochi. Ma poi si sedeva su quello sgabello e “parlava”. E un ragazzino magrolino diventava un gigante buono. Che raccontava di sé. E le parole gli uscivano come fiumi in piena. Incontrollabili. Non so bene dove finisca la persona ed inizi il musicista. Quando una passione ti prende da dentro, diventi un’unica cosa, una sola persona. E la passione muove montagne. La passione non ti fa mai mettere un punto. Non ti fa mai sentire “arrivato”. Senti il richiamo di continue sfide, continue salite da affrontare. Ancora oggi. Lui continua a suonare, non importa se per pochi presenti o per un auditorium pieno di persone. A quel gigante buono piace solo raccontare di sé. E a chi lo sa ascoltare, regala una storia che tocca le corde del cuore.

I ritornelli
 
:
Cosa occorre:
  • IMPASTO CHIARO:
  • 250 G DI FARINA
  • 90 G DU BURRO
  • 100 G DI ZUCCHERO
  • 20 G DI AMARETTI
  • 10 G DI MANDORLE TRITATE
  • 1 UOVO
  • UN CUCCHIAIO DI MIELE
  • ¼ DI BUSTINA DI LIEVITO
  • IMPASTO SCURO:
  • 250 G DI FARINA
  • 100 G DI BURRO
  • 130 G DI ZUCCHERO
  • 30 G DI CACAO
  • 25 G DI AMARETTI
  • 40 ML DI LATTE
  • 1 UOVO
  • ¼ DI BUSTINA DI LIEVITO
Procedimento:
  1. Preparate i due impasti separatamente.
  2. Tritate gli amaretti in polvere. Fate lo stesso con le mandorle.
  3. Per quello chiaro, montate il burro con lo zucchero fino ad ottenere un composto morbido e spumoso. Aggiungete l'uovo, gli amaretti e le mandorle tritate, il miele e la farina setacciata con il lievito. Lavorate fino ad ottenere un impasto omogeneo.
  4. Per l'impasto scuro, montate il burro con lo zucchero fino ad ottenere un composto spumoso. Aggiungete l'uovo, gli amaretti, il latte, il cacao in polvere ed infine la farina con il lievito. Lasciate riposare gli impasti in frigo per 30 minuti.
  5. Create dei filoncini di pasta e tagliateli in pezzetti di circa 1 cm. Accostate impasto bianco, scuro, bianco, scuro, schiacciandoli leggermente in modo da farli attaccare.
  6. Infornate a 180°C per 12 minuti.

 


Post Correlati

Crostata di cuore

Crostata di cuore

Esistono le ricette “di testa” e le ricette “di cuore”. Per me. Le ricette di testa sono ricette perfette, impeccabili, quadrate, pesate, tecniche, precise. Con procedimenti dettagliati e schematici. Il risultato? Se ben eseguita, hai raggiunto l’equilibrio. In cucina ma soprattutto in pasticceria, raggiungere l’equilibrio…

Torta Elisabetta

Torta Elisabetta

Cuoca sopraffina. Pioniera. Papera forte. Sto parlando di lei. Nonna Papera. Lei che abita nella periferia di Paperopoli. Che cucina con la genuinità propria di una nonna. Che non se ne fa un problema se ha i piedi piatti. E che dietro quegli occhiali ne ha…



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

: