La colazione è il pasto più importante

Cookies

Cookies

Siamo fatti della stessa sostanza di cui sono fatti i cookies. Croccanti fuori e morbidi dentro. O meglio “chewy“. Io. Io ad esempio ho un problema con il NO. Non lo so dire. Potrei perlomeno fare un accenno con la testa. E invece faccio peggio.…

Chocolate chips pumpkin spice bread

Chocolate chips pumpkin spice bread

Zan zan! Non potevo scegliere titolo più complicato da ricordare, da cercare, da pronunciare… ma da mangiare…non ci sono parole. Vi spiego di cosa stiamo parlando: partiamo dal prodotto di base, un “bread”, umido, profumatissimo, arricchito di purea di zucca, inebriato da varie spezie e…

Brioche di zucca e nocciolata

Brioche di zucca e nocciolata

Cosa c’è di più confortante di una minestra calda a base di zucca nelle fresche serate autunnali? Una fetta di brioche di zucca e nocciolata ovviamente! Questo dolce lievitato vede l’utilizzo nel suo impasto della polpa di zucca, un po’ come utilizziamo le carote per…

Waffle al cioccolato (con pan di stelle)

Waffle al cioccolato (con pan di stelle)

Il waffle o la gaufres, come la chiamano nel nord Europa, è una cialda profumata, calda, croccante fuori e morbida dentro, che solitamente viene consumata a colazione o anche per dessert e servita con cioccolato fuso, sciroppo d’acero, nutella o gelato. 

Granola di stelle

Granola di stelle

E con questo sto dicendo che la tua colazione sarà davvero stellare. Granola di stelle. Stellare nella forma e nel sapore. Quante volte avrò detto che la colazione è il pasto che preferisco? Mai poche. Ma avete osservato attentamente la foto? E davvero mi state…


ultimi post

Un buon non compleanno a me

Un buon non compleanno a me

Ebbene si, oggi è il mio buon non compleanno. Anche il vostro? Ci avrei scommesso! Allora mettetevi belli comodi che vi racconto una storia. “Una storia com’è, o era o che so io…” Correva l’anno 1985 o forse 86. Sul grande schermo Tom Cruise conquistava tutti con…

Cheese…cake!

Cheese…cake!

Sorridere. C’è gesto più impegnativo del sorridere? Sorridere coinvolge 12 muscoli del viso diversi, tutti uniti nel collaborare all’unisono, sollevando, tirando, contraendo. E il risultato è quell’espressione che a tutti appare come un “semplice” sorriso. Eppure…che fatica c’è dietro gesti così semplici?!? Quante volte i…

Cookies

Cookies

Siamo fatti della stessa sostanza di cui sono fatti i cookies.

Croccanti fuori e morbidi dentro. O meglio “chewy“. Io. Io ad esempio ho un problema con il NO. Non lo so dire. Potrei perlomeno fare un accenno con la testa. E invece faccio peggio. Dico SI. Si a tutto. Avete presente la scena del film “Una settimana da Dio”, quando Jim Carey, non riuscendo ad ascoltare le singole preghiere di ognuno, va di risposta automatica “si a tutti”?!? Io, se fossi Dio, avrei questo problema. La mia consistenza morbida purtroppo (e sottolineo, purtroppo!) spesso mi si rivolta contro. Quanti Si mi hanno fatto ritrovare a vivere situazioni scomode e insidiose. Quanti Si mi hanno spesso nascosto fregature. Quanti Si sono rimasti delusi ai No degli altri. Sarebbe tutto più facile se con il giusto atteggiamento sicuro, a certe richieste, dicessi No. Secco. Fermo. Croccante. Dovrò esercitarmi. Tanto. Parecchio. Ma scommettiamo che non si tratta di un problema solo mio? Scommettiamo che i No sono difficili da dire per tutti? Che siamo tutti croccanti fuori e morbidi dentro? Scommettiamo?…Lo volete un cookie…?

Cookies
 
:
Cosa occorre:
  • 250 gr di farina 00
  • 125 gr di burro morbido
  • 100 gr di zucchero di canna (preferibilmente muscovado)
  • 100 gr di zucchero bianco
  • 200 gr gocce o pepite di cioccolato fondente
  • 1 uovo
  • ½ cucchiaio di bicarbonato
  • 1 bustina di vanillina
  • 1 pizzico di sale
Procedimento:
  1. Mescola i due tipi di zucchero e monta con il burro morbido. Aggiungi l'uovo e continua a mescolare. Infine aggiungi la farina, il bicarbonato, la vanillina e il pizzico di sale. Quando avrai un impasto bene amalgamato, aggiungi le gocce di cioccolato. Fai delle palline di impasto, posizionale sulla teglia rivestita di carta forno e schiacciale leggermente. Completa con le gocce di cioccolato in superficie per ogni biscotto (questo è un tocco più estetico che altro). Cuoci a 180° per 12 minuti circa (osserva che i biscotti siano di un bel colore ambrato). Fai raffreddare (lo so è difficile) e finalmente puoi mangiare.

Riempiamo i muri di carta…

Riempiamo i muri di carta…

Sfondo questo mese con uno sfondo. Non si se vi è capitato di notare che da qualche mese non pubblico più wallpaper per cellulari e pc. Non so se vi siete chiesti il perché. Non c’è un perché. E infatti ritornano i wallpaper ma stavolta con…

Non facciamo scherzi, dammi i dolci.

Non facciamo scherzi, dammi i dolci.

Halloween 2018. Ci siamo. Siamo pronti? Direi abbastanza. Vestito tema pauroso, ce l’ho. Accessorio capelli, ce l’ho. Coriandoli, ragnatele finte e pipistrelli di gomma, ce l’ho. Dolcetti….dolcetti…No, quelli non possono proprio mancare! Quindi, ora che abbiamo l’occorrente, che dite, la facciamo una super festa??? Di…

Chocolate chips pumpkin spice bread

Chocolate chips pumpkin spice bread

Zan zan! Non potevo scegliere titolo più complicato da ricordare, da cercare, da pronunciare… ma da mangiare…non ci sono parole. Vi spiego di cosa stiamo parlando: partiamo dal prodotto di base, un “bread”, umido, profumatissimo, arricchito di purea di zucca, inebriato da varie spezie e ingolosito da gocce (ma vanno bene anche scaglie) di cioccolato fondente, che ho lasciato cadere in superficie come pioggia. La pioggia in autunno. Il momento perfetto per mangiare una fetta di questo dolce. Quando la casa si illumina di luci soffuse di candele e nell’aria respiri già piccoli anticipi di Natale. Quello è il momento perfetto. Scegli la tua tazza preferita, riempila di the all’arancia e cannella, di cioccolata calda o anche semplicemente con latte caldo e miele, taglia una fetta di pumpkin bread e mangialo con calma, sorseggia con calma. Mangia con calma. E respira. Ora hai l’autunno addosso.

Chocolate chips pumpkin spice plumcake
 
:
Cosa occorre:
  • 375 g di farina 00
  • 200 g di purea di zucca
  • 170 g di olio di semi di girasole
  • 4 uova intere
  • 60 ml di latte
  • 250 g di zucchero di canna grezzo
  • 1 cucchiaino colmo di cannella in polvere
  • 1 cucchiaino colmo di zenzero in polvere
  • una punta di cucchiaino di noce moscata in polvere
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 1 pizzico di sale
  • gocce di cioccolata per finitura
Procedimento:
  1. Pulite la zucca e privatela del semi. Tagliatela a pezzetti e cuocetela al forno o al microonde fino a renderla morbida. Una volta cotta, riducetela in purea con un frullatore ad immersione.
  2. Nella planetaria (o in una ciotola capiente), montate le uova con lo zucchero di canna; montate almeno 10 minuti.
  3. Aggiungete la purea di zucca e l'olio a filo (mi raccomando di aggiungere l'olio molto lentamente).
  4. In una ciotola a parte, mescolate tutte le polveri (comprese le spezie) e setacciatele prima di aggiungerle al composto precedente.
  5. Completare con il bicchiere di latte.
  6. Versate il composto in uno stampo da plumcake (uno grande o due piccoli), decora con le gocce di cioccolata in superficie.
  7. Cuocete a 175° per 35-40 minuti. Controllate l'avvenuta cottura con uno stecchino: se uscirà asciutto, la torta sarà pronta.
  8. Lasciate raffreddare e servite.


il mio diario

Biscotti zuppolosi

Biscotti zuppolosi

“Inzupposo” e “zuppoloso” sono sinonimi. Entrambi esprimono le caratteristiche di questo biscotto: fragrante, perfetto per l’inzuppo, genuino. I biscotti come quelli del forno. Quelli di un tempo, intramontabili. So bene che già ne state immaginando consistenza e profumo. Ed in più sono davvero facili da fare, la perfetta ricetta da fare a quattro mani. (altro…)