Il pan d’arancio

2 Marzo 2017

Il pan d’arancio

0 Comments

Il pan d’arancio è una ricetta della serie “minimo sforzo, massimo risultato”. E’ sbucata fuori qualche anno fa quando, non ricordo bene chi, propose di frullare un’arancia intera nella torta per aromatizzarla. Avete capito bene. INTERA. Intera vale a dire con tutto, buccia compresa. Magari i semini no. In questo modo si otterrà una polpa d’arancia profumatissima che conferirà una straordinaria morbidezza alla torta. Io ho voluto personalizzarla rispetto la versione originale, aggiungendo la farina di mandorle che dà una nota aromatica e “croccante” al dolce. Per il pan d’arancio ho voluto fare di più. Una video ricetta. O come preferisco chiamarlo io, un videoincantesimo. Perché chiamarlo così? Perché cucina-alchimia-magia sono i tre vertici di una stessa piramide. Due facce di una stessa moneta. E chi maneggia e sperimenta in cucina, in fondo è anche un po’ streghetta…

poster
Pan d\'arancio
00:00
--
/
--

Il pan d'arancio
 
:
Cosa occorre:
  • 180 G DI FARINA 00
  • 120 G DI FARINA DI MANDORLE
  • 120 G DI OLIO DI SEMI
  • 4 UOVA
  • 1 ARANCIA INTERA
  • 120 G DI ZUCCHERO
  • 1 BUSTINA DI LIEVITO PER DOLCI
Procedimento:
  1. Trita finemente le mandorle. Taglia un'arancia provvista della sua buccia in pezzi grossolani. Metti nel mixer i pezzi d'arancia e riducili in polpa. Monta le uova con lo zucchero, aggiungi l'olio di semi, le farine ed il lievito. Inforna a 170°C per 40 minuti. Decora con abbondante zucchero a velo.


Post Correlati

Crostata di cuore

Crostata di cuore

Esistono le ricette “di testa” e le ricette “di cuore”. Per me. Le ricette di testa sono ricette perfette, impeccabili, quadrate, pesate, tecniche, precise. Con procedimenti dettagliati e schematici. Il risultato? Se ben eseguita, hai raggiunto l’equilibrio. In cucina ma soprattutto in pasticceria, raggiungere l’equilibrio…

Torta Elisabetta

Torta Elisabetta

Cuoca sopraffina. Pioniera. Papera forte. Sto parlando di lei. Nonna Papera. Lei che abita nella periferia di Paperopoli. Che cucina con la genuinità propria di una nonna. Che non se ne fa un problema se ha i piedi piatti. E che dietro quegli occhiali ne ha…



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

: