Hai scoperto l’acqua calda…

26 settembre 2017

Hai scoperto l’acqua calda…

0 Comments

Chissà poi perché esiste questo modo di dire… L’acqua calda non è cosa da poco! Intendo: di solito si usa questa espressione quando qualcuno dice una cosa ovvia e banale. Ma non ritengo che la scoperta dell’acqua calda sia una cosa banale. Anzi. Per fare l’acqua calda, serve il fuoco. Quindi il tutto si riduce al fuoco. Che penso sia la scoperta più grande ed importante tra tutte. Si, più di internet. Vabbè, in questa mattinata dove me la sto prendendo visibilmente con il cosmo, voglio parlarvi di una mia grande passione: le biografie storiche. Vado letteralmente in fissa per le biografie di donne famose. Le donne sanno combattere e lasciare un segno senza necessariamente muovere plotoni. E per quanto siano vissute in epoche ben lontane dalla nostra, il loro messaggio è sempre attuale. Prendiamo la regina Vittoria. A soli 18 anni salì al trono e nonostante mille rivoluzioni e cambiamenti sociali, riuscì a “regalare” alla sua terra giorni floridi, che affermarono Londra come capitale dell’economia mondiale. Mica roba da poco.  Ma di Vittoria (regina), mi interessa sapere non tanto quello che ha fatto, ma com’era. Nella sua quotidianità, com’era. Se era miope, se russava o dava a calci al marito sotto le lenzuola. Se era golosa all’inverosimile. Si dice che fosse un’appassionata di thé tanto da istituire un rito per consumarlo ad un orario prestabilito: le cinque del pomeriggio. Insieme al thé, la regina amava mangiare una torta soffice ed alta come un pan di spagna, ma burrosa come un biscotto. Accompagnata da confettura e panna.

La “Victoria Sponge cake” divenne in poco tempo il simbolo di quel tempo, dell’età vittoriana, e tutt’ora è una delle torte più diffuse ed apprezzate in Inghilterra e nel mondo. Io l’apprezzo molto. Ma soprattutto, che c’entra l’acqua calda?!? C’entra. Perché il trucco per montare una perfetta sponge cake è l’acqua calda. Aggiungendo alcuni cucchiai di acqua bollente all’impasto, questo diventerà gonfio e morbidissimo per un risultato regale. Abbandonerete qualsiasi ricetta di pan di spagna e da ora in poi farete solo questa. Che può essere mangiata con una semplice spolverata di zucchero a velo o farcita come piaceva alla regina. Sono sicura che lei apprezzerebbe.

Victoria Sponge Cake
 
:
Cosa occorre:
  • 200 G DI BURRO MORBIDO
  • 200 G DI ZUCCHERO SEMOLATO
  • 4 UOVA
  • 1 CUCCHIAINO DI ESTRATTO DI VANIGLIA ( O UNA BUSTINA DI VANILLINA)
  • 200 G DI FARINA
  • 2 CUCCHIAINI DI LIEVITO PER DOLCI
  • 2 CUCCHIAI DI ACQUA BOLLENTE
Procedimento:
  1. In planetaria o con in frullino elettrico, monta molto bene il burro con lo zucchero; devi ottenere un impasto molto soffice e chiaro, quasi come panna. Aggiungi 2 uova e metà della farina. Mescola molto bene. Aggiungi la vaniglia, altre 2 uova e il resto della farina. Continua a mescolare. Infine aggiungi i 2 cucchiai di acqua bollente. Versa in una tortiera imburrata ed infarinata e cuoci a 180°C per 30 minuti. Fai sempre la prova stecchino. Se è ancora umido, lascia cuocere la torta per altri 5 minuti. Quando la torta sarà fredda, tagliala in due e farciscila con marmellata di fragole e panna montata. Ricopri con il disco di pasta e spolvera con abbondante zucchero a velo.

 

 


Post Correlati

Crostata di cuore

Crostata di cuore

Esistono le ricette “di testa” e le ricette “di cuore”. Per me. Le ricette di testa sono ricette perfette, impeccabili, quadrate, pesate, tecniche, precise. Con procedimenti dettagliati e schematici. Il risultato? Se ben eseguita, hai raggiunto l’equilibrio. In cucina ma soprattutto in pasticceria, raggiungere l’equilibrio…

Torta Elisabetta

Torta Elisabetta

Cuoca sopraffina. Pioniera. Papera forte. Sto parlando di lei. Nonna Papera. Lei che abita nella periferia di Paperopoli. Che cucina con la genuinità propria di una nonna. Che non se ne fa un problema se ha i piedi piatti. E che dietro quegli occhiali ne ha…



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

: