Pane “jamme ja”

8 ottobre 2018

Pane “jamme ja”

0 Comments

Jamme ja.

C’è un mondo dietro queste due parole. Tradotta letteralmente vuol dire “andiamo”, ma detta così non rende. Per capire il senso profondo di un’espressione così varia e così vasta, bisogna andare oltre il significato letterale. E come per l’apprendimento delle migliori lingue, anche in questo caso vi esporrò qualche esempio pratico: tu sei pronta, davanti alla porta, ma il tuo compagno è ancora nel bagno che si sistema minuziosamente la riga a destra. Poi, con la dovuta calma, si passa il profumo prima sui polsi, poi dietro le orecchie, poi sul collo… Tu, cosa gli urli da davanti la porta?!? JAMME JA! Ancora: “jamme ja” trova una valida applicazione quando ti riunisci con gli amici e dopo una buona mezz’ora passata a proporre questo e quest’altro posto, finalmente si decide dove trascorrere la serata. “JAMME JA” e tutti entrano in macchina e partono in direzione della meta. Quasi come una parola magica. Quando sarai padrone dell’espressione (almeno un livello avanzato), potresti usare anche la variante JAMME BELL JAadatta soprattutto a quei soggetti a cui piace perder tempo. Ecco. A me proprio non piace perder tempo. Soprattutto quando ho fame. E cosa si fa quando hai fame ma non hai tempo? Semplice: il pane “jamme ja”. Un pane velocissimo, che si impasta con la forchetta, che cuoce in poco tempo e che sopratutto è buono buono buono. Lo mandi tuo marito a comprare la mortadella o è ancora davanti allo specchio?!? Ora però sai cosa fare.

Pane "jamme ja"
 
:
Cosa occorre:
  • 500g di farina per pane
  • 2 cucchiai di farina di semola (per lo spolvero)
  • 380 ml di acqua tiepida
  • 1 bustina di lievito di birra in polvere
  • 1 cucchiaino (colmo) di sale
  • 1 cucchiaino di miele o malto"
Procedimento:
  1. Pesiamo l'acqua in una caraffa e facciamo sciogliere il cucchiaino di miele.
  2. In una ciotola capiente inseriamo la farina mescolata con il lievito in polvere e aggiungiamo l'acqua mescolando rapidamente con una forchetta; infine mettiamo il sale; otterremo un impasto piuttosto molle molle e appiccicoso. Spolveriamo la superficie con abbondante farina (io preferisco quella di semola) e lasciamo lievitare coperto da pellicola per un'ora e mezza.
  3. Finita questa lievitazione, versiamo l'impasto e con l'aiuto di su una spianatoia molto ben infarinata e lo dividiamo in quattro filoncini. Con molta attenzione e delicatezza, prendiamo ogni filone e lo posizioniamo sulla teglia coperta da carta forno; Inforniamo a 240° per circa 30 minuti (controllando la doratura).

 


Post Correlati

Torta Elisabetta

Torta Elisabetta

Cuoca sopraffina. Pioniera. Papera forte. Sto parlando di lei. Nonna Papera. Lei che abita nella periferia di Paperopoli. Che cucina con la genuinità propria di una nonna. Che non se ne fa un problema se ha i piedi piatti. E che dietro quegli occhiali ne ha…

Storia di una ladra di panini all’olio

Storia di una ladra di panini all’olio

Se immagino una versione bambina di me, mangio sempre un panino. Non riesco a separare le due cose. Io e il panino. Una storia d’amore che vive tutt’oggi. Ricordo le mie file in salumeria per prepararmi li panino da mangiare a scuola. Uscita da scuola,…



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

: